Ma dallo Psicologo devo andarci per mesi? No.

Grazie ad una formazione neuroscientifica e di impronta costruttivista nasce un modello di intervento clinico mirato, efficace ed efficiente. La consulenza breve strategica pone l’attenzione sulla relazione che il soggetto ha con sé, con gli altri e con il mondo e sulla realtà disfunzionale da egli costruita. Ogni persona infatti, percepisce un evento, una data situazione e/o gli altri a partire da un sistema di credenze, convinzioni ed esperienze molto personali; così, metterà in atto delle reazioni altrettanto personali e specifiche che potranno essere funzionali, ovvero condurre al superamento della situazione percepita come problematica oppure disfunzionali. Quest’ultime non condurranno ad un esito positivo, al contrario se reiterate struttureranno il problema. 

Come funziona la Consulenza Breve Strategica

A partire da un colloquio clinico strategico, mediante un numero di incontri limitati l’obiettivo principale è quello di ristrutturare il modo in cui ciascuna persona costruisce la propria realtà disfunzionale mediante l’uso di abili ristrutturazioni cognitive e di un linguaggio persuasivo per produrre ciò che chiamiamo esperienze emozionali correttive, ovvero un nuovo modo di percepire la realtà, accompagnato da una forte emozione positiva. Così, operando un cambiamento sul sistema, questo sarà portato a cambiare. Il protocollo prevede un massimo di dieci incontri, entro la quale ci si pone come obiettivo vedere i primi cambiamenti e lo sblocco del sistema disfunzionale, che avverrà sin dal primo colloquio.